X

Latest News

Un prototipo in stile Lamborghini


 

Un prototipo ferrarese in abito giallo sfoggia da alcuni anni nel salone di Castlecar di Via Bologna facendo mostra di sé nelle diverse angolazioni.
E’ giunto anche fino al ciglio della strada, in testa alla serie di auto esposte al pubblico nelle varie stagioni: è il bolide chiamato Paesanti Juppiter, un prototipo nato dalle mani di Idris Paesanti che assieme ad altri esperti ha messo su ruote un assemblaggio di leghe, guarnizioni e bulloni con propulsore Bmw 635. Un prototipo che oggi lascia i suoi 320 cavalli a riposare dentro Castlecar, in attesa di qualche colpo di acceleratore per mantenere vivi circuiti e guarnizioni.
E proprio ieri il propulsore a sei cilindri di derivazione Bmw (dall’ormai storica berlina 635 degli anni ’80) ha rombato tra le pareti del salone sollecitato da Paesanti che con un balzo da ragazzo è saltato fuori dalla monoposto rispondendo poi ad alcune domande.
“Ci sono volute oltre 3500 ore di lavoro, dal gennaio 2001 alla fine del 2003 – racconta, ricordando quando in quegli anni era assunto al reparto Finizione della Lamborghini – E’ stata un’idea che ha seguito altri due precedenti progetti nati dentro la carrozzeria di famiglia vicino a Copparo.
Il prototipo Paesanti Juppiter ha avuto nell’ultimo decennio un destino bizzarro, sfiorando in diverse occasioni la cessione a seguito di offerte di acquisto importanti, anche e articoli su riviste specializzate come Elaborando che ne riportò un ampio servizio.
“Sì – racconta Paesanti – abbiamo sfiorato la vendita, portando Juppiter a diverse mostre e manifestazioni; ho ricevuto offerte di acquisto dalla Svizzera e dalla Germania, per importi superiori ai 90mila euro, ma poi non si è mai concluso l’affare e oggi il prototipo resta con me e l’amico Castelli.”
Tra le mura di Castlecar, ormai ci è chiaro, questo giallo prototipo forgiato quasi interamente a mano da Idris Paesanti, vuole ruggire ancora, vuole sbrigliare su strada i suoi 320 cavalli. Aspettiamo un investitore o un team, il pilota forse esiste già.

Tags:

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *